18 dicembre 2008

Dicevo io: cuniculus

Un comunicato ufficiale della BnF fa luce sull'inquietante presenza di due coniglietti nel giardino della biblioteca. Pare che un timore stile "Night of the Lepus" sia scongiurato, ma il testo non risolve totalmente gli inquietanti interrogativi. Ai quali ne aggiungiamo un altro: chi è che sbrana le carcasse dei piccioni? E' presto per parlare di allarme? I cittadini e i lettori hanno il diritto di sapere.

"Nel mese di Luglio è stata constatata la presenza di due conigli nel giardino centrale del Sito François Mitterrand della Biblioteca Nazionale. Dopo varie investigazioni e consultazioni, gli specialisti del Museo di Storia Naturale, chiamati sul luogo, hanno potuto identificare la specie: si tratta di una specie di coniglio domestico (Oryctolagus cuniculus) la cui morfologia è simile a quella della lepre [lo dicevo io: cuniculus].
La BnF, insieme agli esperti del Museo, ha messo in opera un procedimento di cattura senza rischio per i conigli. L'eventualità che siano di sesso differente non è da escludere: c'è dunque un rischio importante di riproduzione e di proliferazione all'interno del giardino. Oltre le tracce di scavo già percepibili, la loro pratica alimentare porterà presto ad un impoverimento della biodiversità della flora del giardino. In più, questi animali, molto simpatici visti dal corridoio del Rez-de-jardin, sono in realtà in cattività [avversativa incomprensibile: e allora? Per questo devono essere meno simpatici?]: non sono venuti liberamente e non possono uscire da soli [ecco che spuntano le inquietanti domande: chi ce li ha portati? Chi li tiene prigionieri? Sono tutti e due numero 6? Chi è il numero 1?]
Per questi motivi, questi piccoli mammiferi lasceranno presto la loro villeggiatura estiva per un altro luogo più adatto. Il Servizio Spazi Verdi della Città di Parigi è pronto ad accoglierli al Bois de Vincennes, dove saranno in compagnia di altri animali. La BnF veglierà affinché siano trattati con la più grande cura.[perché? Non si fidano? C'entrano qualcosa? E' un complotto?]"

Nel frattempo, uno dei due coniglietti ha aperto una pagina su facebook. Io gli ho chiesto amicizia, e lui, gentilmente, ha accettato. Scorrendo il suo profilo, non solo si scopre che l'eventualità dei sessi differenti non era da escludere, ma che ha anche prodotto 7 piccoli esemplari. L'ultimo suo messaggio, prima della partenza al Bois de Vincennes, lascia forti speranze di un ritorno in grande stile:

"E' probabile che la vita che abbiamo trascorso nel giardino darà luogo ad una costruzione leggendaria e che, tra qualche generazione, un movimento messianico vedrà la luce e proporrà a tutta la tribù un ritorno alla terra dei nostri antenati. Per quel che mi riguarda, io invoco Colui Che Apre le Porte perché reintroduca altri esseri viventi, come già lo ha fatto l'estate scorsa; i miei 7 cuccioli ed io siamo a disposizione, bisognerà solo prevedere un paniere più grande. Ci rivediamo in primavera?"

2 commenti:

suibhne ha detto...

la mia inquietudine resta e sembra Lost... più ti danno spiegazioni più la questione si ingarbuglia... e avendo visto tutto il Lost possibile, mi sta venendo il dubbio che finché non tornerò il mistero non potrà essere risolto e quindi mi farò crescere la barba e inizierò a strillare We have to go baaaack!!!


ad ogni modo grazie per tenermi aggiornato

arcomanno ha detto...

Sì, mi sa che ti tocca tornare. E a me mi toccherà iniziare a vedere lost...