26 maggio 2009

Juve-Fantomas 1-0

Del brevissimo viaggio a Maastricht e Amsterdam mi è rimasto impresso il titolo di un film impossibile accennato a tarda ora a casa di un mio amico cinefago. Sarà stato l'eccesso di White Widow (8 euro il grammo, piuttosto cara, però i coffeeshops stavano chiudendo tutti, dunque...), ma allo scorrere del titolo del film di Louis Feuillade sul video (Juve contre Fantomas, del 1913), mi sono messo a ridere pensando al gioco di parole e ho detto "Juve-Fantomas 2 a zero". Lui, che è pure romanista, mi ha corretto subito: "No; Juve-Fantomas 1 a 0 al novantesimo, dopo un rigore fischiato per un fallo fuori area di Fantomas". Il trip ha raggiunto l'apice quando dopo le prime inquadrature ci siamo accorti che il commissario Juve somigliava preciso a Luciano Moggi. Da lì è iniziata una serie di considerazioni su calciopoli che si sono inevitabilmente riannodate a un dibattito pomeridiano su 15 anni di politica italiana. A quel punto, per evitare di prendere la cumplanare del dolore, il mio amico cinefago ha fatto partire Kontroll, un film ungherese molto bello, girato tutto nella metropolitana di Budapest. Ad Amsterdam, invece, non ho visto nemmeno una fermata del metrò; in compenso ci sono tanti tram bianchi e azzurri, allegri e scampanellanti, che vanno su e giù per i canali.

2 commenti:

il giardino di enzo ha detto...

white widow: 8 euro spesi bene, mi pare...

arcomanno ha detto...

Sempre meglio che pagare il canone Rai (ad esempio).