21 maggio 2008

Palla corta sotto rete

Se trovi un pacco per te nella cassetta delle lettere e non hai ordinato niente, allora è sicuramente pubblicità, marketing, promozioni. Anche se un pacco così grande... Chissà perché ho pensato subito a dei libri; ma no, è troppo leggero.
Arrivo a casa, apro e osservo l'oggetto contenuto: boh! Leggo subito la lettera allegata: è della mia banca.

"1973-2008. 35 anni di fedeltà al tennis! Cher Monsieur, BNP Paribas festeggia i suoi 35 anni di partenariato con il tennis. Un anniversario che abbiamo deciso di condividere insieme a lei. Perchè lei? Perché lei è nato tra il 20 maggio e l'8 giugno 1973. Dunque festeggia anche lei i suoi 35 anni durante il torneo Roland Garros 2008. Per festeggiare questo doppio anniversario, abbiamo il piacere di offrirle questo magnifico regalo: l'asciugamano Roland Garros 2008 in edizione limitata."

Ah bon! Ecco cos'è: un asciugamano. Tutto nero e rosa, a prima vista l'avevo preso per una sciarpa del Palermo. E' veramente brutto. I disegnini soprattutto: la tour eiffel, la bocca del métro, una panchina con cappello di paglia, (douuuuuce Fraaaance....) un seggiolone dell'arbitro, una tennista e tante, tante palle. Didascalia unica via.

Rimango qualche secondo basito, preso in contropiede da una tristezza liftata che non riesco a capire se è dovuta agli anni che passano (in mezzo ai miei pensieri sfreccia rapido l'ultimo incontro del Roland Garros che ricordi: un Lendl-Chang di secoli fa), al fatto che questo compleanno me lo abbia annunciato per prima (e con largo anticipo) la mia banca, all'essere associato in qualche modo ad un enorme programma di sponsorizzazione, alla bruttezza estrema dell'oggetto ricevuto in regalo (a questo punto facevate uno sforzo e mi mandavate un biglietto per un preliminare, oppure che so, un ottavo del doppio misto).

L'espatrio transalpino, comunque, per me ha portato un indubbio avanzamento: il massimo del marketing virale legato agli anniversari, in Italia, erano gli sms dell'Adecco che mi facevano puntualmente gli auguri: vuoi mettere?
"Jeu, set, match, BNP Paribas."

3 commenti:

alt ha detto...

Però se ci vai a spasso per strada, vestito solo con l'asciugamano stretto intorno alle natiche, magari davanti a qualche asilo multietnico, all'ora in cui escono i bambini, mentre invece dei giornali svolazzano petizioni di RESF, e apri di botto l'asciugamano, magari reclamando non meglio precisati "preliminari"...
Ed è pur vero che per fare "giochetto o scherzetto", degli impermeabili ci siamo stufati: qui piove sempre, e anche sull'anima... (E così son riuscito a prendere la trita coppia di piccioni con la vieta fava: un solo commento per due post! Ah, nessuno mi ama come mi amo io...)
Alt
P.S.: Ma quand'è il tuo compleanno, zozzone che non sei altro?

arcomanno ha detto...

No, no, no: solo ora ho capito che il regalo celava un messaggio che ho colto troppo tardi.
Il 25 maggio, infatti, era il Towel Day.
Ed io, invece di promenarmi in giro per Parigi con il mio bell'asciugamano nuovo fiammante, sono uscito senza. Poi è arrivata quell'astronave e tutti sappiamo, purtroppo, come è andata a finire...

alt ha detto...

E già, siamo proprio degli stracciaroli. Ce li meritiamo tutti: i banchieri, i confindustriali, gli alieni, i tremendi, i Tremonti, Alberto Sordi, Fernando dell'alimentari, la mamma di Fernando dell'alimentari, la moglie di Fernando dell'alimentari...
Infatti, clicca e vedi anche il commento:
http://gago.splinder.com/post/17209530