4 febbraio 2009

La fine del rotolo

Être au bout du rouleau (essere alla fine del rotolo).

Questa bella espressione francese non vuol dire - come si potrebbe pensare in un primo momento - essere arrivato finalmente al termine di una lunga prova (magari!) ma significa piuttosto "aver finito il carburante, aver terminato le proprie risorse" e deriva probabilmente dai tempi in cui si usavano i rotoli di pergamena.

Ecco, qui stiamo davvero alla fine del rotolo, come esemplificato dalla seguente diapositiva.

rouleau_lzn.jpg

6 commenti:

alt ha detto...

Avevo un amico francese che il culo se lo puliva letteralmente con le mani, che poi strofinava sul muro.
Ora è diventato un esimio medievista.

arcomanno ha detto...

Ommioddio. Non so che cosa mi fa più rabbrividire nel tuo commento, ma credo sia il termine: "esimio" (anche se pure medievista non scherza).

(Certo il tuo amico era arrivato alla fine del rotolo ma da mo'!)

Anonimo ha detto...

il portarotolo è ikea.

i.

arcomanno ha detto...

Esatto. E la carta igienica è marca auchan (quella era più difficile indovinarla, però).

alt ha detto...

E sticazzi di che marca sono? quiesi(*) Martellone.
P.S.: Perche il captcha è "quiesi", che senno' io lo so scriviri, l'italianu.

arcomanno ha detto...

"Sticazzi" non saprei che marca: in ogni caso mi sembrano dedicati ad un target decisamente di destra.

Quiesi e non mi diedero? Boh?
Per quanto riguarda l'italianu, conoscerai pure il famoso acronimo dialettale del grande magazzino...